Le varie tipologie di zanzariere e come installarle

“Se conosci il nemico la tua vittoria è sicura” (Sun Tzu L’Arte della Guerra)

stop alle zanzare

Le zanzare sono insetti appartenenti all’ordine dei ditteri, il cui ciclo vitale dipende dall’assunzione del sangue delle vittime, allo scopo di nutrirsi delle sostanze vitali in esso presenti; sono unicamente le femmine ad esplicare tale attività ematofaga necessaria per la maturazione delle uova.

Il loro ciclo vitale si completa in zone climaticamente calde e umide, soprattutto in estate, che è la stagione di massima diffusione degli insetti.
Esistono numerose famiglie tra cui la pericolosa zanzara tigre, che con la sua puntura può trasmettere alcune malattie piuttosto gravi per la salute dell’uomo.

 

Le zanzariere, non solo protezione

finestra sul mare

Perché installare le zanzariere? In effetti, la risposta pare assai scontata, ma a soffermarsi un po’ sulla domanda si possono trovare anche moltissime altre ottime ragioni sul perché proteggere gli ambienti in cui viviamo con le zanzariere.
Ad esempio, grazie alle zanzariere, mentre le fastidiose zanzare se ne restano fuori, noi possiamo tenere le finestre spalancate in modo da rigenerare l’aria all’interno della nostra casa, ed a tal proposito lo sapevi che:

  • l’aria all’interno della casa o dell’ufficio può essere fino a 5 volte più inquinata dell’aria aperta.
  • passiamo il 90% del nostro tempo all’interno di edifici, a casa, a scuola o al lavoro
  • adeguati ricambi di aria (V/h almeno 1 volume di ricambio d’aria ogni ora) assicura il pieno benessere
  • la luce solare è un “supernutriente” antidepressivo naturale. 

Infine, la zanzariera consente di risparmiare energia limitando l’utilizzo degli impianti per il trattamento dell’aria, come i condizionatori, certamente un vantaggio per l’ambiente e per la salute dell’uomo, anche un discreto vantaggio economico.

 

Come sono fatte le zanzariere

Prima di scegliere una zanzariera è necessario valutare attentamente quali sono le condizioni oggettive delle finestre o delle porte su cui si desidera applicare il prodotto, ed anche le proprie necessità di mantenere fisse o asportabili tali strutture.
Se ad esempio le finestre o le porte vengono utilizzate frequentemente è consigliabile scegliere una zanzariera a rullo mentre se l’utilizzo non è frequente si può optare per le zanzariere magnetiche.

Col termine zanzariera vengono definite differenti tipologie di prodotti che hanno lo scopo di respingere insetti in generale proteggono un ambiente e gli abitanti della stessa da agenti esterni come polvere, zanzare, mosche e insetti di piccola taglia.

Le zanzariere si suddividono in due categorie:
verticali (ideali per finestre) e laterali (ideali per portefinestre e balconi).

Possono essere classificate anche in base al tipo di azionamento:
Avvolgibili a molla
Avvolgibili a molla con catenella
Plissettate

La scelta del tipo di zanzariera va fatta in base all’utilizzo che si fa della finestra o del balcone su cui verranno poi installate.
Se vengono usate spesso si consiglia l’utilizzo di zanzariere con sistemi di apertura facili da utilizzare e a lunga durata, se invece vengono usate raramente si consigliano le zanzariere più economiche, a molla con catena o corda.

 

Il sistema protettivo è generalmente costituito da varie parti

zanzariera scorrevole

• Il cassonetto, che è la sede dove viene riavvolto il telo quando non è utilizzato
• La cornice, costituita generalmente da metallo o legno a seconda dei modelli del prodotto
• Le guide sono localizzate nelle zone verticali degli stipiti e permettono lo scorrimento delle reti
• Le testate, si tratta di parti dove sono localizzati i meccanismi regolatori del movimento dei teli
• La rete protettiva o telo protettivo

La parte protettiva vera e propria è costituita da una finissima rete di materiale idoneo che svolge il compito di barriera al passaggio di zanzare ed altri insetti (ma anche di moscerini) all’interno dei locali. La maglia delle reti impiegate per questo utilizzo hanno dimensioni tali da lasciar passare l’aria.

La rete può essere in plastica, in metallo o in fibra di vetro ma anche rivestite da PVC e sono lavabili e manutenzionabili.

Le zanzariere inoltre possono essere dotate anche di vari dispositivi (elettrici e/o meccanici) per il loro miglior funzionamento e utilizzo

 

Zanzariere motorizzate

Le zanzariere inoltre possono essere dotate anche di vari dispositivi (elettrici e/o meccanici) per il loro miglior funzionamento e utilizzo

zanzariera automatizzata

Zanzariera elettrica

In questo caso la struttura metallica della zanzariera contiene dei binari verticali che consentono il sollevamento e l’abbassamento del telo mediante un comando elettrico. Queste zanzariere sono realizzate e installate da personale specializzato e generalmente sono strutture fisse che vanno applicate a porte o finestre in maniera permanente.

Zanzariera a rullo

In questo caso la zanzariera ha l’aspetto di una tapparella contenuta in un rullo che serve per riavvolgerla dopo l’utilizzo. Per distendere il telo, è sufficiente tirare un cordino o una catenella che consente al telo di scorrere lungo le guide verticali e di occupare tutto lo spazio della cornice.

Zanzariera ad incasso

Si tratta di una struttura integrata nel serramento, per non essere visibile quando l’aspetto estetico rappresenta il fattore preponderante. Sono zanzariere fisse che si manovrano attraverso lo spostamento del telo

Zanzariera a telaio fisso

In questo caso il telaio viene sagomato su misura a seconda delle dimensioni di finestre o porte, e viene montato in maniera definitiva. Su tale struttura si applica il telo che deve essere perfettamente aderente alla cornice.

Installazione

L’installazione ottimale di una zanzariera è nei serramenti mediante uno scheletro su misura, che sorregge il telo fisso o aperto/chiuso mediante un semplice sistema meccanico verticale per le finestre ed orizzontale per le porte.

 

Detrazione Fiscale 50%

Il bonus 2020 sulle zanzariere con schermature solari prevede una detrazione fiscale del 50% sulle imposte dovute sulle spese che sono state sostenute per l’acquisto e la posa.

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento